Agenzia

Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro - ARPAL 
Corso Vannucci, 96  - Perugia

Direttore 
Dott. Rossetti Luigi
Palazzo Broletto – Via M. Angeloni, 61 - PG
Tel. 075.5045710
e-mail: lrossetti@regione.umbria.it 
PEC: arpal@postacert.umbria.it 

Coordinatore 
Dott. Bei Adriano
Via Palermo, 86/a - PG
Tel. 075.3681375
e-mail: abei@regione.umbria.it
PEC: arpal@postacert.umbria.it

Attività

L'Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro - ARPAL è stata istituita con la Legge regionale n. 1 del 14 febbraio 2018,  quale ente strumentale dotato di personalità giuridica di diritto pubblico ed avente autonomia amministrativa, organizzativa, contabile e gestionale.

ARPAL Umbria in coerenza con la normativa statale e regionale e con gli atti della programmazione regionale, nel rispetto degli obiettivi assegnati dalla Giunta regionale, dei livelli essenziali delle prestazioni e degli standard di servizio stabiliti dalla normativa statale e regionale, svolge le seguenti funzioni:

  • gestione dei Centri per l'impiego, delle politiche attive e dei servizi per il lavoro e dei procedimenti relativi allo stato di disoccupazione, ai sensi del d.lgs. 150/2015 
  • individuazione e diffusione delle opportunità di lavoro, anche mediante il Sistema informativo, rilevate dai centri per l'impiego e dalla rete, incluse quelle ai fini dell'assolvimento dell'obbligo assunzionale di cui alla L. 68/1999, le cui modalità di accesso, comunicazione e utilizzo sono definite dalla Giunta regionale, con propria deliberazione, previo confronto con le parti sociali
  • gestione dei servizi per il collocamento dei disabili di cui alla L. 68/1999 , nonché attuazione del Programma annuale di intervento
  • attuazione delle misure previste dal Sistema regionale di inclusione attiva di cui all' articolo 33 , ivi compresi i percorsi formativi e di accompagnamento, rivolti ai datori di lavoro privati, per l'inserimento e l'integrazione lavorativa nel mondo del lavoro, al di fuori dell'obbligo di cui alla L. 68/1999 , delle persone con disabilità, finanziati con il Fondo regionale per l'occupazione dei disabili di cui all' articolo 43
  • avviamento a selezione nei casi previsti dall' articolo 16 della l. 56/1987
  • pianificazione operativa ed erogazione delle misure di rafforzamento e di sviluppo dei servizi offerti dal sistema regionale per il lavoro, delle misure di politica attiva, di orientamento al lavoro e alla transizione, delle politiche formative e di apprendimento permanente, con particolare riguardo ai disoccupati e inoccupati, agli apprendisti e agli altri occupati, nonché nell'ambito del Sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale di cui all' articolo 2 della legge regionale 23 dicembre 2013, n. 30 (Disciplina del sistema regionale di istruzione e formazione professionale), definite dalla programmazione regionale e dagli interventi promossi ai sensi della programmazione statale per il lavoro
  • raccordo tra i soggetti della rete regionale dei servizi e delle politiche per il lavoro e i soggetti delle reti territoriali per l'apprendimento permanente di cui all' articolo 6 alla stessa connesse
  • individuazione di misure di attivazione dei beneficiari di ammortizzatori sociali residenti nel territorio regionale con le modalità di cui agli articoli 21 e 22 del d.lgs. 150/2015
  • offerta ed organizzazione di servizi e misure di politica attiva del lavoro di competenza
  • promozione e gestione delle attività connesse alle politiche attive del lavoro di competenza, previste dalla normativa europea, statale e regionale attribuite alla stessa ARPAL Umbria dalla programmazione regionale, in coerenza con le azioni previste per le politiche di genere, per le politiche a favore dei giovani e di altri destinatari individuati dalla medesima programmazione regionale
  • stipulazione e gestione delle convenzioni con soggetti pubblici e privati nelle materie di competenza
  • gestione delle procedure di competenza della Regione connesse agli ammortizzatori sociali e di licenziamento collettivo
  • altre attività attribuite dalla Giunta regionale concernenti le politiche attive del lavoro